Il diritto di potersi distinguere dagli altri giocatori

Che importanza date alle possibilità di personalizzazione del personaggio che vengono concesse al giocatore all’inizio della partita? Quando accedete per la prima volta al vostro nuovo MMO, appena scaricato ed installato, e vi trovate di fronte alla scelta dell’eroe, soldato, combattente o chicchessia, preferite una serie di scelte preimpostate o la possibilità di modificare personalmente anche il più piccolo dei dettagli?

Personalmente odio partecipare ad un MMO impersonando un personaggio identico a quelli di tanti altri. MMORPG che permettono di scegliere fra pochi eroi preimpostati come Rusty Hearts o Dragon Nest, per fare un esempio, non mi hanno mai lasciato soddisfatto. Non a caso ho citato due titoli importanti nell’attuale panorama MMO, proprio a sottolineare quanto sia sbagliato limitare il livello di personalizzazione nel momento in cui si mira ad offrire un’esperienza completa ed innovativa per il giocatore.

L’editor ideale per la personalizzazione

Ho sempre apprezzato quei titoli, anche nel mondo dei single player, che permettono una completa ed approfondita personalizzazione del personaggio fin dai primi frangenti di gioco. Ricordo quando un tempo giocavo a Saints Row, il celebre free roaming dove era possibile “costruire” il proprio ragazzaccio fin nei minimi particolari. Poi è arrivato APB Reloaded, l’MMO free to play che credo ormai tutti conoscano, facendomi provare finalmente le stesse emozioni a livello di editor che avevo provato con Saints Row.

I lineamenti, le sopracciglia, la distanza tra gli occhi, la loro grandezza, la lunghezza della barba, il tatuaggio, il colore dei capelli, la corporatura e tutta una serie di minuziosi parametri da poter configurare agilmente e senza troppe odiose limitazioni. Questo rappresenta a grandi linee l’editor ideale che ogni MMO che si rispetti dovrebbe implementare, sia che si tratti di un gioco di ruolo che di uno sparatutto in prima o terza persona.

Quando la personalizzazione lascia spazio al cash shop

Spesso l’unico modo per differenziarsi dalla massa è vestirsi diversamente, acquistare costumi particolari a pagamento o armi vistose e luccicanti. Certo, questo aumenta sicuramente gli introiti delle software house, ma quando avrai finito di fare shopping sarai davvero “diverso” dagli altri? Sei alto uguale a loro, sei magro o grasso quanto chiunque ti circondi e soprattutto, hai la stessa postura e lo stesso volto. Come ci si può realmente differenziare dalla massa cambiando semplicemente indumenti?

Basta con i cloni che cambiano semplicemente colore al vestito ma sostanzialmente restano identici, capisco la tendenza a voler spingere il giocatore ad acquistare costumi ed altri elementi cosmetici, ma perchè a livello di carne ed ossa non si lascia libertà di personalizzazione? A parer mio sarebbe giusto e non influirebbe affatto negativamente sull’eventuale spesa nel cash shop, anzi, sono convinto che avere un personaggio che realmente rispecchia l’ideale di eroe che si desidera impersonare, amplifichi ulteriormente lo stimolo a volerlo vestire in maniera originale e differente dagli altri.

Se la personalizzazione completa diventasse uno standard

Perchè non diventa uso comune inserire un editor approfondito all’interno di ogni MMO? Ogni giocatore avrebbe tutte le possibilità che desidera per poter essere unico, non solo il più forte o quello con più punti, ma diverso, distinguibile da chiunque altro proprio come nella realtà. Non credo che a livello di sviluppo questo comporti un’immane ed insostenibile fatica, ma semplicemente sono convinto che si tratti di un parametro che viene costantemente trascurato, forse poco acclamato dalla folla troppo distratta per rendersene conto, ma certamente apprezzato ogni volta che in passato è stato implementato.

Lato utente sicuramente sarebbe un dono ben accetto, oltre ad attirare un maggior numero di giocatori rispetto agli MMO che non lo permettono, i quali già per principio perdono giocatori (anche se pochi) come me. Dal punto di vista degli introiti invece, anche se il numero di giocatori registrati non ne verrebbe influenzato significativamente, sono convinto che la possibilità di poter aver un proprio alter ego spingerebbe maggiormente all’acquisto di elementi cosmetici all’interno del cash shop. In un periodo come questo, dove le microtransazioni vengono spinte al massimo, credo rappresenterebbe una ulteriore “strategia” utile ad aumentare indirettamente la spesa del giocatore medio.

E tu, Cosa ne pensi?

1 Commento

  1. io come giocatore vorrei dei vestiti che posso avere solo io dall’inizio.. e ti tieni quelli per sempre.. magari prendi dei potenziamenti o compri costumi più potenti ma che tengano la stessa estetica.. tipo negli anime, quando i protagonisti entrano in un gioco hanno una skin preimpostata ma che hanno solo loro e nessun altro..

    Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita

Registrati

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

MMORPG CONSIGLIATI

SPARATUTTO CONSIGLIATI

BROWSER GAME CONSIGLIATI

Ti piacciono i giochi MMORPG?
Hai già provato

Neverwinter?

Neverwinter è un MMORPG free to play in italiano basato sul celebre Dungeons & Dragons. Il gioco offre un comparto grafico di ottima fattura, un gameplay ben progettato e una storia tanto profonda quanto avvincente. I giocatori possono inoltre creare i loro contenuti e condividerli con la community, personalizzare le cavalcature e formare delle potenti gilde con cui conquistare e costruire fortezze.