Dragona – Recensione

Attenzione: questo gioco non è più disponibile.

Dragona Online è un MMORPG fantasy complessivamente migliore rispetto alla gran parte dei titoli concorrenti, i quali continuano ad esser lanciati sul mercato senza presentare nulla di nuovo ed offrendo un comparto tecnico datato e poco curato. In un mare di mediocrità troviamo per fortuna alcune perle interessanti, e Dragona è una di queste.

Il gioco sviluppato da LivePlex Corporation è stato pubblicato da GameClub con l’obiettivo di offrire al giocatore un’esperienza videoludica all’altezza delle aspettative, in un mondo popolato da fantastiche creature ispirate alle leggende sui draghi. I personaggi potranno infatti subire delle trasformazioni parziali o complete, richiamando la forza del drago e migliorando le loro performance in combattimento.

Creazione del personaggio e primi passi

In Dragona sono disponibili 4 razze differenti, ognuna delle quali offre 2 classi. In totale ci sono 8 classi giocabili, suddivise in 4 personaggi maschili e 4 femminili: Umani (gunner e sniper); Kali (guardian e assassin); Eldin (ranger e magician); Catcha (shaman e scout). Per approfondimenti rimando alla guida alle classi di Dragona Online, nella quale potrai conoscere l’aspetto e le caratteristiche principali di ogni carattere disponibile.

L’editor non permette di effettuare personalizzazioni approfondite, ma mette a disposizione alcuni visi e tagli di capelli preimpostati tra cui poter scegliere. Come ultimo passaggio dovrai scegliere quale trasformazione parziale affidare al tuo personaggio, scegliendo fra quattro possibilità differenti. Quest’abilità permette al tuo carattere di trasformare una parte del suo corpo (arti inferiori, arti superiori, testa o busto) e di usufruire dei poteri del drago, aumentando così alcune sue caratteristiche come la velocità, la resistenza, i punti vita e l’attacco.

Terminata la creazione del personaggio verrai catapultato su una spiaggia e conoscerai il primo NPC, il quale ti affiderà una missione da portare a termine. Una delle caratteristiche originali di Dragona è il sistema delle quest, il quale ti permette di accettare missioni e ritirare le ricompense al termine degli obiettivi senza doverti recare personalmente dall’NPC. Attraverso la “remote chat” comparirà una schermata di dialogo dove ti verranno mostrate le indicazioni riguardanti le quest, e dove potrai ricevere la ricompensa una volta portato a termine l’obiettivo. Ciò nonostante, all’interno dei villaggi potrai comunque conoscere nuovi NPC, parlarci e accettare nuove missioni.

Gameplay

Un misto tra gioco di ruolo classico e di nuova generazione. Alcuni elementi originali come la “remote chat” ti permetteranno di risparmiare un sacco di passi tra una missione e l’altra, non dovendo ogni volta tornare dall’NPC per la ricompensa e la quest successiva. A questo va ad aggiungersi l’ormai sempre più frequente sistema di “pilota automatico“, termine che ho inventato personalmente e che rappresenta la possibilità di far muovere il tuo eroe senza doverlo guidare manualmente. Sarà sufficiente cliccare sul nome della quest posizionata in alto sulla destra dello schermo, per far camminare automaticamente il personaggio verso la zona richiesta dalla missione. Non dovrai cercare sulla mappa la zona esatta, non dovrai farlo muovere manualmente per tutto il tragitto e non correrai il rischio di perderti e fare passi inutili.

Come se non bastasse, persino le pozioni per il mana, la vita e il core potranno esser impostate automaticamente, di modo che vengano utilizzate una volta raggiunto uno specifico livello minimo. Potrai per esempio settare il livello della vita al 30%, di modo che una volta raggiunta tale soglia il giocatore si somministrerà automaticamente una pozione per recuperare i punti HP. Stesso discorso per il mana e il core.

Tutta una serie di automazioni che personalmente disapprovo, ma che i più pigri considereranno sicuramente molto positive. Tra la remote chat e il sistema di pilota automatico, portare a termine le quest non è mai stato così facile. Resterà soltanto da combattere, attraverso scontri comunque statici ed automatici, dove l’unica scelta che potrà fare il giocatore sarà nei riguardi delle abilità e attacchi da utilizzare, come succede pressoché in ogni MMORPG classico.

Livellare richiederà molto tempo, dato che non sarà facile guadagnare esperienza neppure uccidendo decine e decine di nemici. Gli scontri richiederanno un continuo e ciclico utilizzo delle abilità per esser portati a termine, e sarà importante fin dai primi combattimenti tenere sempre sotto controllo il livello di HP, dato che perdere la vita risulterà in alcuni casi molto più semplice del solito. Nonostante livellare non sia facile, potrai disporre già dopo pochi livelli di una buona varietà di attacchi, i quali in abbinamento alla trasformazione parziale daranno una spinta significativa alle capacità del tuo personaggio.

Trasformazione parziale e completa

Le trasformazioni servono a richiamare i poteri del drago, ed ognuna delle 8 classi disponibili può usufruire di differenti mutazioni e vantaggi. Una trasformazione parziale potrà esser scelta al momento della creazione del personaggio, mentre per quella completa occorrerà prima progredire nel gioco ed apprendere quanto necessario.

Per utilizzare la trasformazione avrai bisogno del Core, il quale rappresenta l’energia capace di risvegliare i poteri del drago. Uccidendo i nemici, capiterà in alcuni casi di assorbire questo tipo di elemento attraverso una sfera blu, grande o piccola, ricaricando così le riserve e prolungando il tempo di utilizzo della mutazione. In qualsiasi momento potrai trasformarti, e a seconda dell’azione che starai compiendo, varierà la percentuale di consumo del core in rapporto al tempo.

  • La trasformazione parziale cambia l’aspetto e le capacità di una sola parte del corpo, dotandola del potere del drago. Non apporta modifiche alle abilità base, ne influisce in alcun modo negativamente sul personaggio. A seconda del tipo di trasformazione incrementerà alcuni aspetti e caratteristiche del combattente, migliorandone ad esempio l’attacco piuttosto che la velocità e la rigenerazione dei punti vita.
  • La trasformazione completa consuma molto più core rispetto a quella parziale, e fa cambiare totalmente aspetto al personaggio, facendolo apparire in una forma gigantesca e visivamente affascinante. In questo stato non sarà possibile utilizzare ne le armi ne le abilità standard, le quali verranno sostituite da attacchi esclusivi e capacità passive altrimenti inutilizzabili.

Grafica e ambientazione

Comparto grafico all’avanguardia, nettamente superiore rispetto alla gran parte della concorrenza. I modelli poligonali ben disegnati e il livello di dettaglio delle texture accuratamente realizzato, rendono Dragona visivamente molto piacevole ed immersivo, portando il giocatore all’interno di un mondo fantasy popolato da numerose creature differenti. I dettagli con i quali sono stati realizzati i personaggi sono eccellenti, così come non manca il corretto uso delle luci, dei riflessi e l’implementazione di tutta una serie di piccolezze che nel complesso donano un aspetto decisamente apprezzabile all’intero comparto grafico.

Durante i combattimenti, l’uso di ogni abilità è caratterizzato da una differente animazione e movimento, anche se in questo caso non sempre il risultato è dei migliori. Le creature che abitano il mondo di Dragona risultano piuttosto varie, anche se in alcune occasioni gli sviluppatori si sono limitati ad effettuare piccole modifiche tra le razze, come il cambio del colore o l’aggiunta di un’aura intorno al corpo della creatura. Tuttavia anche in questo caso la qualità dei modelli poligonali e del dettaglio delle texture risulta eccellente.

Le ambientazioni sono per la gran parte realistiche, anche se l’universo di gioco mischia elementi comunemente presenti nel mondo reale ad alcune particolarità di stampo futuristico, come enormi massi luminosi, statue incantevoli e luccicanti, cavalcature volanti simili a moto spaziali e ultime ma non ultime, le trasformazioni dei personaggi rappresentate da giganteschi draghi robotici e affascinanti. Anche gli elementi ambientali più semplici sono stati ben realizzati, come le foglie degli alberi, i ciuffi d’erba, le staccionate, gli effetti atmosferici, il cielo e l’acqua.

Conclusioni

Dragona è a tutti gli effetti un ottimo MMORPG, il quale mi sento di consigliare ad ogni fascia di età. Purtuttavia gli eccessivi sistemi di automatismo quali la remote chat, il pilota automatico e l’uso programmato delle pozioni, potrebbero nel complesso rovinare l’esperienza ai giocatori più esigenti e in cerca di un titolo davvero complesso che possa metterli a dura prova. Ciò nonostante, livellare non risulta affatto semplice, così come sconfiggere le creature ostili richiederà un ponderato utilizzo delle abilità ed un tempismo alle volte frenetico. Fattori che vanno un po’ a bilanciare le agevolazioni concesse dagli automatismi, dando così vita ad un MMORPG mediamente difficile e adatto ad ogni tipo di giocatore.

Tecnicamente parlando non manca di nulla, mostrando molti dei sistemi classici in abbinamento a novità quali la remote chat, l’utilizzo automatizzato delle pozioni e le trasformazioni parziali e complete. A chiudere il cerchio troviamo l’ottimo comparto grafico, il quale presenta rare imperfezioni e mostra modelli poligonali ben realizzati e con un ottimo dettaglio delle texture, sia per quanto riguarda i personaggi che le relative armature, le creature che popolano il mondo di Dragona e gli elementi ambientali che lo compongono.

  • Grafica eccellente, almeno se paragonata alla mole di titoli concorrenti incapaci di presentare un dettaglio delle texture superiore alla sufficienza. Persino particolari come l’acqua e il cielo, solitamente trascurati negli MMORPG, risultano ben realizzati e accompagnati da un numero equilibrato e ben ripartito di elementi ambientali.
  • Gameplay nel complesso molto completo, il quale richiama le classiche dinamiche degli MMORPG in fatto di combattimenti e obiettivi delle quest, implementando però funzionalità moderne ed originali quali la remote chat, il pilota automatico, la trasformazione del personaggio e l’utilizzo automatizzato delle pozioni durante gli scontri.
  • Comparto audio apprezzabile, il quale propone colonne sonore non troppo invasive ed effetti sonori adeguati e ben contestualizzati. Ciò nonostante alcune musiche potrebbero stancare, spingendo nel tempo il giocatore ad abbassare il volume o disattivarlo.
Voto Utenti
0
0 voti
Tuo Voto
0

Pro

  • Innovativo
  • Grafica superiore alla concorrenza
  • Trasformazioni originali
  • Livellare richiede molto tempo

Contro

  • Il pilota automatico alle volte non evita gli ostacoli
  • La troppa automazione potrebbe non piacere
7.7

Buono

Grafica - 8
Giocabilità - 8
Originalità - 7

3 Commenti

  1. stra bello!!!!

    Rispondi
  2. Io ho aperto il sito del gioco ma dice che il 14 marzo 2013 hanno chiuso

    Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita

Registrati

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

MMORPG CONSIGLIATI

SPARATUTTO CONSIGLIATI

BROWSER GAME CONSIGLIATI

Ti piacciono i giochi MMORPG?
Hai già provato

Neverwinter?

Neverwinter è un MMORPG free to play in italiano basato sul celebre Dungeons & Dragons. Il gioco offre un comparto grafico di ottima fattura, un gameplay ben progettato e una storia tanto profonda quanto avvincente. I giocatori possono inoltre creare i loro contenuti e condividerli con la community, personalizzare le cavalcature e formare delle potenti gilde con cui conquistare e costruire fortezze.