Fallen Earth: tutto sulla fazione dei Tech

Quarta parte della guida alle fazioni di Fallen Earth, dove prenderemo in esame la popolazione dei Tech, ovvero la fazione tecnologia per eccellenza, scarsamente interessata all’ambiente e dedicata costantemente al progresso tecnologico.

Prima di cominciare vorrei elencare velocemente tutte e sei le parti della guida alle fazioni di Fallen Earth, per renderle accessibili nel modo più semplice possibile:

Panoramica

Entro i confini della diga di Hoover, un corpo di ingegneri civili e tecnici militari hanno sviluppato una sorta di cameratismo, da quando il mondo è crollato intorno a loro sono diventati gli ultimi difensori delle conquiste dell’umanità. Questa auto-dichiarata missione ha portato i tecnici a separarsi dalla popolazione generale, dedicando il loro tempo alla ricerca e alla lavorazione dei progetti ogni volta che non sono impegnati a riparare o mantenere efficiente la diga.

Durante la rivolta dei Chota, la tecnologia che odiavano è stata saccheggiata con l’aiuto dei Vista, spazzando via la maggior parte dei Tech. I pochi sopravvissuti sono riusciti a fuggire a Dawson Hill, un complesso industriale antecedente alla distruzione del mondo. Hanno costruito una scuola di tecnologia che divenne nota come Università. Gradualmente i Tech ricostruirono le loro fila, reclutando i provenienti da tutto il Grand Canyon per ripristinare i progressi del vecchio mondo.

I Tech hanno la più forte base tecnologica e industriale di qualsiasi altra fazione. Possiedono la più grande struttura di crafting di tutta la provincia. Sono in grado di produrre oggetti avanzati, armature e armi da fuoco in quantità maggiori rispetto a qualsiasi altro gruppo. Anche se non sono incapaci di difendersi, hanno esperienza relativa in fatto di combattimento, sopravvivenza e diplomazia rispetto alle altre fazioni, pertanto fanno affidamento ai loro alleati per la protezione.

I Tech sono guidati dal Congresso della Scienza, costituito da otto Tech annualmente eletti dagli otto più grandi insediamenti. Tutti i membri del Congresso di Scienza hanno pari voce in capitolo nel decidere le questioni che si presentano, ma McNas Geoffry, il Rettore dell’Università, funge da altoparlante mantenendo il Congresso nell’ordine. Altre posizioni sono affidate a determinati Tech, ognuno con le proprie responsaiblità.

Ci sono tre gruppi principali: Applier, Theoretician e Daedalan. Composto in gran parte dai Tech assunti dopo la rivolta dei Chota, gli Applier credono che la tecnologia dovrebbe essere fondamentalmente pratica, oltre che di beneficio per l’umanità nel suo insieme. Al contrario, i Theoretician danno valore al progresso della tecnologia fine a se stessa e sono più interessati alla loro ricerca privata che non nel migliorare la qualità della vita. Molti teorici hanno bei ricordi dei successi tecnologici nella diga di Hoover e sono più ambizioni degli Applier sul fatto di tornare a quel livello di avanzamento. Relativamente nuovi sulla scena sono i Daedalan, un gruppo di Tech stanchi di dipendere dalla sicurezza degli Enforcer. Essi hanno progettato armature efficaci per se stessi ed imparato ad usare potenti armi da fuoco. Hanno le stesse probabilità di lavorare come mercenari che come protettori degli interessi dei Tech.

Leader

I tech non sono così fortemente legati alla loro struttura come invece lo sono gli Enforcer. Un Tech deve avere almeno il grado di Dottore per far parte del Congresso della Scienza e ogni membro è responsabile della supervisione degli interessi del suo insediamento, oltre a dover affrontare le questioni di tutta la comunità.

Nemici

I Vista sono i nemici principali, i quali vedono nei Tech una fazione egoista ed inquinante per la Terra. I Tech hanno poco riguardo per l’ambiente che li circonda, il che è qualcosa di riprovevole per i Vista. Quando quest’ultimi scoprono che i Tech stanno creando problemi o inquinando, sono soliti studiare un agguato, contando sulla segretezza e le abilità stealth per superare la tecnologia superiore dei Tech. I due gruppi raramente vanno in cerca l’uno dell’altro,e ma se uno dei due capita nel territorio nemico non c’è modo di evitare la guerra.

I Chota sono i più fastidiosi in assoluto per i Tech, anche più dei Vista, perchè totalmente incapaci di ragionare. I Tech hanno sviluppato un atteggiamento “prima si spara e poi si fanno domande” nei confronti dei Chota. Qualsiasi invasore di questa specie venga scoperto nei pressi di un insediamento deve essere ucciso a vista. I Tech non cercano di ragionare con i Chota, ne tanto meno tentano di avere rapporti normali.

I Lightbearer sono visti come bifolchi ignoranti che credono nella fede e nei miracoli al posto della scienza. I Tech li trattano con scherno e disprezzo, a tal punto da aver ideato diverse battute per deriderli. I due gruppi raramente si sono opposti attivamente, anche se non essendo d’accordo in termini filosofici hanno acceso molte discussioni. Tuttavia, considerando l’inquinamento dei Tech, si presuppone che i Lightbearer sarebbero i primi ad andargli contro se ci fosse occasione.

Alleati

Gli Enforcer sono i più stretti alleati dei Tech, a causa delle finalità analoghe e della storia in comune. Questi gruppi si scambiano spesso risorse e lavorano negli insediamenti reciprocamente, anche se non è tutto poi così perfetto. Alcuni Enforcer non amano le opinioni elitarie dei Tech, mentre alcuni Tech pensano che la maggior parte degli Enforcer siano buffoni ed ignoranti. La loro relazione ha i suoi alti e bassi, ma normalmente è piuttosto stabile.

I Traveler sono la fonte più importante di informazioni e rifornimenti. Sono anche i meno moralisti in assoluto, fattore che non influisce assolutamente a meno che i loro interventi non incidano direttamente sugli interessi dei Tech. La maggior parte delle carovane dei Traveler si fermano regolarmente negli insediamenti dei Tech e fino ad ora, entrambi i gruppi hanno trovato estremamente redditizio il loro rapporto. Alcuni sottogruppi dei Travelers hanno maggiori contatti con i Tech.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita

Registrati

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

MMORPG CONSIGLIATI

SPARATUTTO CONSIGLIATI

BROWSER GAME CONSIGLIATI

Ti piacciono i giochi MMORPG?
Hai già provato

Neverwinter?

Neverwinter è un MMORPG free to play in italiano basato sul celebre Dungeons & Dragons. Il gioco offre un comparto grafico di ottima fattura, un gameplay ben progettato e una storia tanto profonda quanto avvincente. I giocatori possono inoltre creare i loro contenuti e condividerli con la community, personalizzare le cavalcature e formare delle potenti gilde con cui conquistare e costruire fortezze.