Life is Feudal: anteprima dell’ambizioso MMORPG in beta

Life is Feudal è un brand giovane ma possiede già diverse iterazioni. Esso nasce con Your Own, RPG sandbox multigiocatore ambientato nell’epoca medievale, successivamente si incarna in strategico/survival con City Builder e infine passa all’ambizioso modello massivo online con Life is Feudal: MMO, il titolo di cui parleremo oggi.

La filosofia di base attinge molto dalla serie Ultima e infatti gli stessi sviluppatori hanno lasciato intendere di voler proseguire nella direzione strettamente ruolistica e “personale” intrapresa tempo addietro da Origin Systems, fornendo agli utenti un mondo sconfinato dove sono loro stessi a scrivere le regole. A tu per tu con la beta di questo ambizioso progetto, vediamo di scoprire cosa sia effettivamente in grado di mettere sul piatto.

Anteprima di gioco

Come in ogni sandbox online che si rispetti, le premesse sono tanto semplici quanto invitanti: iniziando con un pugno di mosche in mano bisognerà man mano acquisire materie prime, cibo, ricchezze e far fiorire i propri possedimenti, proteggendoli talora da eventuali razziatori. Trattandosi di un titolo ambientato nell’epoca medievale (nonostante si registri anche l’anti-tematica presenza delle popolazioni celtiche) sopravvivere sarà parecchio ostico, specie per le nuove leve. Si inizia con la creazione del personaggio, attraverso un editor ancora non finalizzato ma comunque abbastanza variegato, e dopo uno scarno tutorial si viene catapultati nelle crude lande di Abella, dove parte la lotta per la sussistenza.

La nostra esperienza, come quella di molti altri giocatori, non è stata proprio entusiasmante. Selezionando il server Avalon, il più ruolistico tra i due disponibili, siamo spawnati all’estremo nord della mappa e abbiamo dovuto vagare per ore prima di trovare un lembo di terra che non fosse costituito soltanto da neve e rocce. La situazione era aggravata dal fatto che il personaggio deve necessariamente mettere qualcosa sotto i denti a intervalli regolari e la resistenza fisica, che si consuma correndo o compiendo altre azioni, ne ha risentito parecchio. Da questo si può già intendere il livello di cattiveria di Life is Feudal: MMO, un gioco che verrà probabilmente gradito dagli amanti dei survival estremi ma non altrettanto da altre tipologie di gamer.

La penuria di informazioni costringe a far riferimento a guide e wiki dedicate, l’interfaccia -inclusa la sua precaria traduzione in italiano- è a dir poco confusionaria, così come il sistema di crafting che in un titolo del genere dovrebbe invece essere impeccabile. In compenso le possibilità offerte sono molteplici e il sistema di gestione dell’alter ego mostra un discreto grado di profondità in quanto permette quattro specializzazioni lavorative (artigiano, cacciatore, costruttore, etc.), cinque combattive (fante, cavaliere, arciere, etc.) e altre cinque fisiche (forza, intelletto, agilità, etc.). I punti skill aumentano eseguendo le relative attività, sebbene con una certa lentezza che accentua il focus del titolo sul tedioso grinding.

Grafica e gameplay

Il motore Torque 3D svolge un ottimo lavoro nel rendere realisticamente avverse e desolate le ambientazioni, giacché terreno, acqua, vegetazione ed effetti atmosferici sono realizzati in modo piuttosto convincente. Modelli, animazioni, profondità e dettaglio delle texture lasciano però ancora a desiderare, così come l’ottimizzazione tecnica, capace di sfoggiare performance stentate anche su i7 e GTX 1080. È anche vero che ci troviamo in fase di beta, tuttavia gli sviluppatori farebbero meglio a risolvere sin da subito questo genere di problemi per evitare di scoraggiare l’acquisto anticipato da parte dei giocatori meno permissivi sotto questo punto di vista.

Sul versante meccanico, purtroppo, le incoraggianti premesse tematiche di Life is Feudal: MMO si scontrano con una realizzazione approssimativa. In teoria nel gioco è possibile intraprendere qualsiasi attività tra costruzione, agricoltura, caccia, cucina e battaglie ma nell’atto pratico tutto ciò risulta statico, lento e macchinoso. Il tempo medio richiesto per mettere in piedi una baracca va dai 30 minuti alle 2 ore, lo stesso dicasi per l’estrazione di ingenti quantità di minerali e risorse affini. Il muro del grinding per affinare le proprie statistiche sembra allora insormontabile per chi non abbia a disposizione intere giornate da dedicare a una singola attività. Concepiamo l’intento degli sviluppatori di voler conferire realismo alla struttura meccanica, però andava decisamente fatto in un modo più leggero e user friendly.

Per quanto riguarda i combattimenti, si trovano ancora meno motivi per rallegrarsi. Innanzitutto per attaccare bisogna assumere la posizione adatta premendo il tasto R, poi scegliere la manovra desiderata tra una decina di possibilità ognuna delle quali appare tristemente legnosa. E non parliamo di un tab targeting ma di un combat system semi-action basato sulla stamina, che per giusta regola dovrebbe essere almeno un po’ dinamico. Peraltro il PvP viene scoraggiato con penalizzazioni anche pesanti per ferite e omicidi, forzando in un certo qual modo i giocatori a seguire una condotta pacifica al di fuori delle istanze. Gli spigoli da limare sono davvero tanti, ci duole dirlo.

Conclusioni

A dispetto di un alto potenziale mostrato sulla carta, Life is Feudal: MMO non sembra voler compiere decisi passi avanti rispetto al mediocre Your Own, salvo per il numero esponenziale di giocatori sui server e le dimensioni abnormi del mondo di gioco. Al momento si tratta di un’esperienza fin troppo hardcore, consigliata dunque solo agli appassionati del genere con dei dovuti distinguo definiti dalla legnosità congenita di ogni aspetto del gameplay e dalla lentezza della progressione.

Ci auguriamo che Bitbox renda l’esperienza più accessibile, rapida e rattoppi le significative mancanze tecniche della versione beta. In quel caso Life is Feudal: MMO diventerebbe senz’altro un titolo degno di attenzione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita

Registrati

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

MMORPG CONSIGLIATI

SPARATUTTO CONSIGLIATI

BROWSER GAME CONSIGLIATI

Ti piacciono i giochi MMORPG?
Hai già provato

Neverwinter?

Neverwinter è un MMORPG free to play in italiano basato sul celebre Dungeons & Dragons. Il gioco offre un comparto grafico di ottima fattura, un gameplay ben progettato e una storia tanto profonda quanto avvincente. I giocatori possono inoltre creare i loro contenuti e condividerli con la community, personalizzare le cavalcature e formare delle potenti gilde con cui conquistare e costruire fortezze.