Lost Ark: intervista sul nuovo MMORPG hack and slash

Di recente su mmoculture.com è stata pubblicata un’intervista dedicata a Lost Ark, il nuovo MMORPG hack and slash sviluppato da un team composto da ben 160 membri professionisti. Il Direttore di SmileGate ha risposto ad alcune domande sullo stato attuale del gioco, parlando delle caratteristiche principali e di ciò che potranno aspettarsi i giocatori da questa nuova promessa videoludica.

In questo articolo andrò a tradurre le parti salienti dell’intervista, per informare anche i giocatori italiani che vogliono saperne di più su Lost Ark.

Intervista generale su Lost Ark

Guerrieri Lost Ark

Come ti sei sentito quando avete lanciato il primo trailer il 13 novembre?

Lost Ark è in sviluppo da molto tempo e ho sempre sentito che al gioco mancava qualcosa. L’entusiasmo e le risposte positive dei giocatori mi hanno tuttavia incoraggiato, quindi ringrazio tutti voi. Adesso sono più determinato di prima e il prossimo anno con la closed beta voglio mostrare un gioco ancora più completo.

Sulla base del primo trailer, alcuni giocatori hanno pensato che si trattasse di un MMORPG senza il “Massively”. Cosa ne pensi?

Lost Ark è davvero un MMORPG (dice ridendo), e l’equivoco è probabilmente dovuto al fatto che abbiamo deciso di mostrare i dungeon nel primo trailer. Alcuni degli effetti sono difficili da mostrare senza doversi concentrare sui dungeon, ma naturalmente ci sono altri aspetti ed effetti spettacolari, nonché aree open world.

Cosa possono aspettarsi i giocatori dalle aree open world? Ci sarà lo stesso livello d’azione che troviamo nei dungeon?

L’azione in Lost Ark è simile sia nei dungeon sia nelle aree aperte, mentre l’interazione è sempre presente per via del gran numero di giocatori. Cercheremo di concentrarci anche sulle battaglie open world, per evitare che i partecipanti possano annoiarsi durante l’esplorazione.

Ad esempio, Lost Ark presenta un mondo invaso dai demoni. Ci sarà quindi una funzionalità nota come Porta del Caos (Chaos Gate) che farà aprire casualmente dei portali nelle aree open world, attraverso i quali approderanno orde di demoni pronti a combattere. I giocatori che si troveranno in zona verranno avvertiti con un segnale e potranno unirsi per respingere l’attacco. Per quanto riguarda invece i Boss, i combattenti dovranno utilizzare gli oggetti circostanti per avere la meglio. C’è poi un campo di battaglia open world  dove si possono vincere dei punti gilda, e un’arena PvE dove i giocatori dovranno combattere contro mostri elite cooperando tra loro.

Panoramica giocatori Lost Ark

Come pensate di risolvere i tipici problemi che spesso rendono i giochi hack and slash ripetitivi e noiosi?

Giocare a un hack and slash non significa soltanto che un personaggio deve essere forte abbastanza per affrontare qualsiasi nemico nel gioco. Lost Ark funziona come un MMORPG, il che richiede ai giocatori di pensare. Un esempio sarà la caratteristica Raid Guardian, mostrata nel primo trailer uscito il 13 novembre. Nel video si può vedere che un giocatore sta bloccando un attacco di ghiaccio scagliato dal Mostro Guardiano, mentre un personaggio sta portando in salvo un membro della squadra. Ci sono diversi meccanismi di cooperazione disponibili, che tendono a ricordare Monster Hunter e Mabinogi Heroes (in quest’ultimo caso gli sviluppatori di NCsoft hanno fatto sapere di aver abbandonato tale sistema, in quanto tecnicamente troppo impegnativo e difficile per i giocatori).

Cosa puoi dire ai giocatori che preferiscono giocare da soli?

Questa è una domanda difficile! Lost Ark è essenzialmente un hack and slash, e stiamo lavorando duramente per fare in modo che venga percepito come tale. Ogni classe ha diversi stili di gioco e può utilizzare solo otto abilità alla volta, quindi mi aspetto che i giocatori vorranno provare varie build con ogni classe.

Durante l’annuncio è stato detto che Lost Ark intende superare tutti i giochi “quarter-view”. Come pensate di farlo?

Siccome il mondo aperto non può presentare gli stessi effetti dei dungeon, come ad esempio i terremoti, abbiamo realizzato delle scene nelle aree open world che mostreranno ai giocatori una visione differente di ciò che li circonda. Per alcuni grandi eventi certe aree diventeranno invece istanziate, mentre in altre zone ci saranno elementi puzzle che renderanno difficile l’esplorazione. Tutte queste caratteristiche faranno si che i giocatori non si annoino mai.

Sfrutterete a vostro vantaggio l’angolo cieco della visuale quarter-view per posizionare degli oggetti nascosti che potranno essere trovati dai giocatori?

Non ci saranno degli elementi nascosti. Proprio come si potrebbe fare nel mondo reale, speriamo che i giocatori vorranno esplorare tutti i posti che potrebbero essere interessanti. Come mostra anche il nostro sistema di esplorazione navale, i partecipanti potranno scoprire nuove isole e in alcuni casi persino perdersi. A differenza delle aree di terra, in mare non ci saranno “strade” da seguire.

Personaggio magico Lost Ark

Avete detto che ci saranno “life skills” come l’astronomia e l’archeologia. Saranno forse legate all’esplorazione?

Queste abilità non riguardano solo l’esplorazione ma tutto il gioco in generale. Un archeologo potrà ad esempio ottenere e leggere delle mappe del tesoro che lo condurranno in luoghi inesplorati, come dungeon nascosti o isole segrete. Ci sarà anche un sistema di relazioni (relatioship system) legato agli NPC, grazie al quale si potranno sbloccare delle quest segrete. Infine, con le life skills si potranno produrre degli elementi da utilizzare in battaglia.

Il fatto che il contenuto segreto possa essere trovato soltanto utilizzando le life skills non rappresenterà una limitazione?

Ogni abilità di vita avrà la sua utilità in Lost Ark, e l’archeologia non riguarderà soltanto le mappe del tesoro. Gli archeologi in alcuni casi dovranno utilizzare il sistema delle relazioni con gli NPC per procedere, o addirittura trovare elementi particolari per realizzare una chiave prima di poter entrare in uno dei dungeon nascosti. Nessuna abilità di vita sarà perfetta. Noi non vogliamo che i contenuti di gioco di Lost Ark siano tutti incentrati sul PvP e sull’uccisione dei boss. Personalmente, ritengo che il valore più importante di un MMORPG riguardi le interazioni tra i giocatori. Ci sono alcuni che preferiscono combattere, altri invece vogliono creare o esplorare. Perchè non renderli dipendenti tra loro?

Quindi, in Lost Ark tutto sarà collegato e in alcuni casi occorrerà fare affidamento gli uni sugli altri. Per la progressione nel gioco, i partecipanti di alto livello potranno incontrarsi con i giocatori di basso livello per interagire. Oltre al combattimento e all’essere forte, è su queste interazioni che stiamo puntando.

E’ giusto dire che ci sono molti contenuti ancora da svelare?

Si. Gran parte dei contenuti di Lost Ark saranno collegati, quindi la parte che verrà consumata troppo velocemente o ignorata sarà relativamente minima. Naturalmente, il processo di interazione tra le varie parti del contenuto sarà progettato per sembrare il più naturale possibile.

Lo sviluppo è andato bene finora, e per la closed beta del prossimo anno saremo in grado di testare il sistema di combattimento. Per le altre caratteristiche, come l’esplorazione del mondo, potrebbe essere necessario attendere un po’ di più.

Scenario Lost Ark

In un mercato dove anche i grandi giochi con client corrono il rischio di essere chiusi, vi siete preparati mentalmente al peggio?

Anche se ci sono già molti giochi di qualità, è sempre facile trovare un nuovo gioco per sostituirli. Lo stesso vale per Lost Ark, ma speriamo di riuscire a creare un MMORPG in grado di soddisfare tutti i giocatori.

Intervista originale in lingua inglese: http://mmoculture.com/2014/11/lost-ark-interview-with-smilegate-rpg-director-on-stunning-new-game/

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita

Registrati

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

MMORPG CONSIGLIATI

SPARATUTTO CONSIGLIATI

BROWSER GAME CONSIGLIATI

Ti piacciono i giochi MMORPG?
Hai già provato

Neverwinter?

Neverwinter è un MMORPG free to play in italiano basato sul celebre Dungeons & Dragons. Il gioco offre un comparto grafico di ottima fattura, un gameplay ben progettato e una storia tanto profonda quanto avvincente. I giocatori possono inoltre creare i loro contenuti e condividerli con la community, personalizzare le cavalcature e formare delle potenti gilde con cui conquistare e costruire fortezze.