Heroes of the Storm: MOBA unico nel suo genere

Negli ultimi anni il mondo dei giochi MOBA è stato dominato dal celebre League of Legends di Riot Games e dal tanto acclamato Dota 2 sviluppato da Valve, mentre Blizzard ha deciso di prendersi un po’ più di tempo per rivedere la formula e provare a realizzare qualcosa di originale e innovativo.

Con Heroes of the Storm, uno degli obiettivi è stato quello di offrire un’esperienza più accessibile per i principianti e meno impegnativa per tutti. Così come con WoW nel settore MMORPG e Hearthstone tra i GDC, anche HotS ha saputo far breccia nel cuore di molti giocatori appassionati di MOBA e a distanza di pochi giorni dal rilascio già si parla della prossima espansione di contenuti.

Accessibilità, originalità, dinamicità e divertimento assicurato

Combattimento HotS

Mi piace pensare a Heroes of the Storm come a un MOBA più semplice del comune, ma non per questo meno competitivo o divertente. Il divertimento è infatti assicurato dalla presenza di tanti eroi iconici dell’universo Blizzard e da arene caratterizzate da obiettivi unici, i quali contribuiscono a rendere frenetiche e allo stesso tempo strategiche le partite. Tuttavia, non bisogna più preoccuparsi di accaparrare monete per acquistare equipaggiamenti o di dover colpire a morte i nemici per ottenere la ricompensa del cosiddetto “last hit”. Il lavoro di squadra è diventato a tutti gli effetti una cooperazione, grazie all’eliminazione di quelle dinamiche che in altri MOBA spingono i compagni di squadra a competere tra loro. Persino l’esperienza è stata condivisa, per cui maggiori sono le uccisioni dei singoli migliore sarà la crescita del team nel suo insieme.

L’unica cosa di cui occorre preoccuparsi, dal punto di vista dello sviluppo del personaggio, riguarda i talenti. Salendo di livello è infatti possibile sbloccare varie abilità attive/passive, scegliendo tra quelle disponibili per ogni personaggio. Questo permette di personalizzare lo stile di gioco e i punti di forza del proprio eroe, in funzione anche alla mappa in cui ci si trova o al ruolo che si desidera svolgere in battaglia. Il sistema dei talenti ha sostituito il classico negozio in-game, che costringeva a collezionare monete per acquistare attrezzature dovendo ogni volta tornare alla base. In HotS generalmente si indietreggia per ben altri motivi, come ad esempio per difendere il nucleo o eventualmente per recuperare più velocemente mana e punti salute. Per la gran parte del tempo si combatte, si conquistano i campi di mercenari, si conseguono gli obiettivi, si difendono i forti e si uccidono gli eroi nemici.

Cuornero HotS

La presenza di molteplici mappe costringe a utilizzare di volta in volta differenti strategie, a seconda di quali sono gli obiettivi presenti nello scenario scelto casualmente dal sistema di matchmaking. Nella Baia di Cuornero, ad esempio, i giocatori devono raccogliere dei dobloni che compaiono di tanto in tanto in alcuni punti della mappa. Una volta consegnata una determinata quantità di dobloni al capitano presente al centro dello scenario, quest’ultimo inizierà a sparare con i suoi cannoni sulle basi nemiche dando un notevole aiuto alla squadra. Nel Giardino del Terrore capita invece che di tanto in tanto cali la notte, facendo sorgere dei mutanti che una volta uccisi rilasciano dei semi. Una volta collezionati 100 di questi semi nasce un Terrore Arboreo che può essere controllato da un membro della squadra, una potente creatura con abilità dedicate e potenza da vendere. Tutte le altre mappe offrono altrettanti obiettivi unici, presentando ambientazioni differenti e vari campi di mercenari/boss da combattere per conquistare e convertire in alleati.

Partite rapide, ricompense ed eroi sbloccabili

Vichingi HotS

Blizzard ha saputo perfezionare una formula che per molti risultava davvero inaccessibile e per altri semplicemente troppo stressante, snervante e alla lunga poco divertente. Ricordiamo infatti che HotS è caratterizzato da tutta una serie di meccaniche che rendono le partite molto più brevi rispetto a quelle dei classici MOBA, per una durata di circa 20-30 minuti al massimo. Questo non solo permette di giocare anche a coloro che non hanno molto tempo a disposizione, ma arreca anche meno fastidio e nervosismo quando la partita prende una piega decisamente sbagliata o non ci si trova con i propri compagni di squadra. Quante volte è capitato di giocare ad altri MOBA e dover penare un’ora prima di concludere una partita già persa dopo 30 minuti? Per non parlare dei casi in cui alcuni membri della squadra abbandonano la partita in anticipo (i cosiddetti leaver), lasciando i compagni a combattere in inferiorità numerica. In HotS è difficile che si verifichino situazioni come queste, sia perchè le partite sono brevi sia perchè gli eroi dei giocatori che abbandonano la partita continuano a giocare guidati dall’intelligenza artificiale.

Completando le partite e gli obiettivi giornalieri, si ottengono non solo punti esperienza per livellare singolarmente gli eroi ma anche valuta in-game. Con le monete guadagnate si possono sbloccare nuovi eroi in modo permanente, nuove skin e colori alternativi. Ogni settimana il gioco offre sette personaggi gratuitamente, i quali possono essere giocati per sette giorni senza limitazioni. A ogni cambio settimanale è possibile testare altri eroi, e così via per un ciclo infinito. In questo modo si possono provare nel corso del tempo tutti i personaggi presenti nel gioco, per poi decidere quali sbloccare in modo definitivo spendendo la valuta guadagnata giocando o i soldi veri. Ogni eroe può infatti essere acquistato senza dover per forza mettere mano al portafogli, salvo alcune monte o skin disponibili soltanto in cambio di denaro reale.

Un gioco moderno e ben sviluppato

Stun HotS

Tecnicamente parlando ci troviamo di fronte a un ottimo gioco online. Il comparto grafico di Heroes of the Storm è davvero di alta qualità, complice lo stile inconfondibile di Blizzard e dei suoi eroi, così come il comparto audio riesce a fare egregiamente la sua parte, grazie anche al meraviglioso doppiaggio in italiano. Ogni eroe è caratterizzato da un aspetto unico e da tanti particolari inconfondibili, come le frasi che verranno ripetute durante la battaglia, i talenti e le abilità, lo stile di combattimento e così via. Addirittura capiterà di sentire due eroi scambiarsi qualche battuta, in particolar modo quando si tratterà di personaggi provenienti dallo stesso mondo di gioco: Diablo, StarCraft o Warcraft.

Senza nulla togliere agli altri MOBA, in particolar modo agli stimatissimi LoL e Dota 2, credo che Heroes of the Storm sia davvero riuscito a rivoluzionare il genere e a rendere i MOBA un gioco un po’ più alla portata di tutti. Ovviamente continueranno a esserci sia coloro che amano la classica formula sia chi abbraccerà la nuova rivisitazione dei “multiplayer online battle arena”, ma sarà curioso scoprire nel lungo periodo chi riuscirà ad accaparrarsi la fetta più grande della torta. Per ora League of Legends continua a dominare incontrastato, ma bisogna anche considerare che si tratta di un titolo forte di una community consolidata in anni e anni di servizio. Vedremo se anche la Blizzard, facendo leva sia sulla sua community altrettanto enorme sia sugli appassionati di giochi MOBA, riuscirà a farsi strada nel mercato e a conquistarsi un’importante fetta di giocatori.

Voi che cosa ne pensate? Qual è il vostro MOBA preferito? 😀

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita

Registrati

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

MMORPG CONSIGLIATI

SPARATUTTO CONSIGLIATI

BROWSER GAME CONSIGLIATI

Ti piacciono i browser game?
Hai già provato

Vikings: War of Clans?

Vikings: War Of Clans è un browser game di strategia in italiano caratterizzato da un comparto grafico di qualità e da un gameplay approfondito. Lo scopo del gioco è quello di vestire i panni di uno Jarl, costruire un villaggio di vichinghi e guidare un potente eroe al fianco dell'esercito.