World of Warcraft: free to play a metà

Mi sarei aspettato un passaggio al free to play da chiunque ormai, ma non da World of Warcraft, sovrano incontrastato degli MMORPG. In molti stanno optando per la conversione al freemium, per ripopolare i server ed aumentare il fatturato, ma WoW non sembra certo averne bisogno. Infatti il cambiamento da molti considerato come un passaggio al free to play, altro non sembra se non una variazione delle regole e limitazioni dell’ormai passata versione trial.

Il cambiamento non è stato particolarmente radicale, a differenza di quanto accaduto con altri titoli. Si potrebbe definire un “free to play a metà”, se non addirittura una modifica volta ad aumentare le possibilità fino a ieri disponibili nella demo. Mentre prima era possibile testare il gioco gratuitamente solo per pochi giorni, ora sarà concesso giocare all’infinito ma con innumerevoli limitazioni rispetto alla versione completa.

WoW free to play: le limitazioni della versione gratuita

World of Warcraft Starter Edition porta con se un cambiamento al confine tra free to play e demo, un abbattimento della limitazione temporale che da sempre caratterizza la versione trial, sostituita però da diverse limitazioni.

Le principali condizioni poste alla Starter Edition sono le seguenti:

  • Livello massimo impostato a 20.
  • Si può racimolare un massimo di 10 gold.
  • Non è possibile utilizzare la casa d’aste, la mailbox o lo scambio player to player (da giocatore a giocatore).
  • Non si può usare la chat pubblica ma è consentito comunicare attraverso i comandi “say, party e whisper”.
  • Non si può creare ne partecipare ad una gilda.
  • Non si possono invitare altri giocatori in party ne è possibile partecipare a quelli con all’interno giocatori di livello superiore a 20.
  • Non è disponibile la chat vocale.
  • Durante il login viene data la precedenza ai giocatori paganti.

Queste sono le limitazioni di maggior rilievo ma ne sono presenti altre di minor entità, descritte sul sito ufficiale in inglese.

Cosa succede raggiunto il livello 20

Raggiunto il ventesimo livello verrà bloccata la progressione del personaggio e non potremo più guadagnare esperienza. Tuttavia si potrà continuare ad esplorare la mappa o creare un nuovo personaggio e ricominciare da zero. Se si decide di passare alla versione a pagamento non perderemo i nostri progressi di gioco e continueremo da dove siamo arrivati con la versione gratuita. Considerato che il livello massimo raggiungibile in gioco è 70, si potrebbe definire il blocco a 20 come una limitazione eccessiva per un free to play, ricollegabile piuttosto ad un’ottima e generosa demo.

Passare alla versione a pagamento

Se raggiunto il limite della versione free vorremo passare a quella a pagamento, potremo farlo optando fra due diverse modalità:

  1. Acquistando la licenza online e ripartendo dopo pochi minuti con il gioco sbloccato.
  2. Acquistando il gioco in negozio nella confezione originale, con all’interno il codice di sblocco.

In ogni caso i progressi di gioco non andranno persi, così come gli oggetti trovati, raccolti e acquistati durante l’utilizzo della versione gratuita. Anche il nome per il login e la password resteranno invariati. Acquistando la versione completa riceveremo 30 giorni di gioco gratuiti, con i quali potremo avanzare dal livello 20 in poi gratuitamente per un mese. Infine, chiunque abbia utilizzato in passato la versione trial, vedrà riattivato il proprio account nella Starter Edition.

Conclusioni

Considerate nel dettaglio le limitazioni di questa nuova versione Starter, possiamo affermare che considerarla un free to play sarebbe esagerato, così come catalogarla come demo sarebbe ingiusto. Diciamo piuttosto che ha piacevolmente abbattuto il limite di tempo che fino all’altro giorno permetteva a mala pena di testate i primi frangenti di gioco. D’ora in poi non sarà possibile superare il ventesimo livello ma per lo meno si darà la possibilità al giocatore di scorrazzare tranquillamente e a tempo indeterminato per la mappa, familiarizzando col gioco e facendo la dovuta pratica prima di passare alla versione a pagamento.

In questo modo si potrà decidere di pagare l’abbonamento con cognizione di causa, consapevoli di cosa ci aspetta e senza dover spendere soldi per i primi livelli di gioco, quando disorientati dall’accesso in un mondo nuovo, si ha bisogno di tempo per superate il classico periodo di apprendimento, utile a tutti per imparare le dinamiche di gioco, dai comandi ai sistemi di acquisto, al gameplay, allo svolgimento delle quest e così via.

1 Commento

  1. ottima recensione.
    Chiara e pulita.
    Grazie!

    Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita

Registrati

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

MMORPG CONSIGLIATI

SPARATUTTO CONSIGLIATI

BROWSER GAME CONSIGLIATI

Ti piacciono i giochi MMORPG?
Hai già provato

Neverwinter?

Neverwinter è un MMORPG free to play in italiano basato sul celebre Dungeons & Dragons. Il gioco offre un comparto grafico di ottima fattura, un gameplay ben progettato e una storia tanto profonda quanto avvincente. I giocatori possono inoltre creare i loro contenuti e condividerli con la community, personalizzare le cavalcature e formare delle potenti gilde con cui conquistare e costruire fortezze.