Fallen Earth: intervista sul passaggio al free to play

Su MMOsite è stata pubblicata un’intervista a Joseph Willmon, direttore associato delle operazioni alla GamersFirst, dove si è parlato dell’avvenuta conversione al free to play di Fallen Earth. Come approfondimento rimando all’articolo di qualche giorno fa, dove vengono spiegate nel dettaglio le differenze tra i vari account.

MMOsite: Hai lavorato per quattro mesi prima di poter considerare la conversione di Fallen Earth in F2P completa. Come ti senti?

E’ un mix tra stanchezza ed eccitazione. Le prime 36 ore dalla transizione sono state davvero impegnative, ma ora il gioco funziona e riesce a reggersi su se stesso. E’ passato poco tempo, eppure abbiamo già visto alcuni risultati sorprendenti. Stiamo pensando a come potremo trasformare questo successo in più contenuti e funzionalità di gioco.

MMOsite: Prima di parlare del cambiamento nel modello di business, ci puoi raccontare qualcosa di più su Fallen Earth?

Questa domanda richiede una lunga risposta. Ciò che distingue immediatamente Fallen Earth è che non è basato sul tab-targeting. Se hai una pistola è necessario puntare, mirare e sparare. Si tratta di un MMO open-world ambientato nel 2156, dopo che il mondo è stato distrutto dall’avidità commerciale, la pandemia globale e la guerra nucleare. Praticamente tutto ciò che di più brutto si può immaginare è successo e i giocatori impersonano il ruolo di cloni, improvvisamente generati, anche se nessuno sa il perchè.

Ciò che ha catturato maggiormente la mia attenzione è stato il sistema di crafting. Personalmente non ho mai dato gran peso a quest’aspetto negli MMO in generale, ma in questo caso c’è stato qualcosa di impressionante e curioso nel raccogliere lattine, gomma, plastica e tutta una serie di materiali che, messi insieme, possono creare qualcosa di utile. Il 95% degli oggetti nel gioco possono essere costruiti, dalle armi standard alle armature, stimolanti, cibi e bevande. A differenza di molti giochi sandbox, Fallen Earth non lascia il mondo e l’esplorazione abbandonati a se stessi. C’è una trama molto ben scritta che guida l’utente attraverso il gioco, mostrando le diverse fazioni esistenti e quello che sta succedendo nel mondo, dando più gusto a tutte quelle piccole e grandi cose che puoi fare. Un’autonomia estremamente gratificante, sopratutto se considerato che siamo abituati ai classici MMO, dove ognuno viene “incasellato” in base alla propria classe, dovendo seguire sempre la stessa progressione nelle quest. In Fallen Earth è possibile avere un personaggio sviluppato come desidera il giocatore, con il giusto equilibrio tra difesa, attacco e guarigione, assumendo un ruolo specifico all’interno di un team o di un clan, o concentrandosi esclusivamente sul crafting (è possibile livellare interamente attraverso il crafting).

La quantità di personalizzazioni disponibili, sotto forma di abiti per i giocatori, è stupefacente. Spesso è possibile, anche solamente guardando un personaggio, capire di che genere di giocatore si tratta. E’ molto difficile incontrare due giocatori con lo stesso identico aspetto.

MMOsite: Come è stato il cambio di iscrizione al gioco? Il serve ha avuto problemi?

Il server sta andando benone per ora. Naturalmente richiede un costante controllo. La nuova generazione di giocatori ha arricchito notevolmente la community, tant’è che stiamo vedendo numeri mai visti prima. E’ fantastico vedere i nuovi giocatori entrare e scoprire un mondo come non ne sono mai esistiti, analizzare le domande rivolte nel canale di aiuto ed osservare come cominciano ad esplorare il deserto.

MMOsite: In aggiunta ai vari piani di pagamento, c’è un sistema di microtransazioni in Fallen Earth?

Non c’è un vero e proprio sistema di microtransazioni ma c’è quello che noi chiamiamo “mercato”. E’ giusto specificare che il gioco ha avuto un cash shop molto tempo prima dell’acquisto da parte di GamersFirst. In primo luogo, stiamo trattando il mercato come un sistema di vendita di oggetti che i giocatori possono acquistare attraverso i Veteran Reward Points, i quali maturano ogni mese per chi è sottoscritto, oltre ad offrire servizi (come il cambio nome, faction reset), personalizzazioni (slot guardaroba) e vari benefici individuali di breve durata.

Una cosa che mi piace specificare è che noi non vendiamo oggetti che cambiano l’esperienza di gioco, come armature, armi o attrezzature per il crafting. Il pay-to-win fa schifo, e onestamente, non lo ritengo favorevole e salutare nel lungo periodo per il gioco stesso.

MMOsite: C’è qualche preoccupazione circa lo squilibrio all’interno del gioco, con l’introduzione dei diversi account?

Il bilanciamento del gameplay sarà sempre la nostra prima preoccupazione, così come per tutti coloro che gestiscono un MMO. Il modo in cui stiamo monetizzando esclude che vi possa essere alcun tipo di squilibrio concorrenziale. Riceviamo questa domanda ogni giorno dai nuovi giocatori che sono stati ovviamente bruciati da esperienze passate, nelle quali venivano venduti vantaggi competitivi nel negozio. Non abbiamo alcun tipo di restrizione sul livello e la classe, ogni giocatore è libero di fare qualsiasi cosa ed esplorare ogni luogo. Molti stanno già dicendo che si tratta del sistema più equo che i giocatori free abbiano mai visto, capace di offrire allo stesso tempo vantaggi convincenti e meritevoli del prezzo richiesto. Si tratta di un equilibrio non facile da trovare.

MMOsite: Ci saranno sorprese per i giocatori che erano già registrati e pagavano prima della conversione?

Ovviamente! La nostra community di veterani rappresenta uno dei fattori più motivanti ad aver spinto GamersFirst ad occuparsi di Fallen Earth. Chiunque avesse un abbonamento attivo prima del passaggio al free to play, è stato automaticamente convertito in Commander per il tempo che gli restava, oltre a poter usufruire di uno sconto permanente se decide di attivare l’abbonamento. Ai giocatori attivi da prima di agosto, abbiamo regalato un guardaroba/vanity slot gratuito. Ai giocatori di ritorno è stato offerto uno sconto di cui poter usufruire una sola volta per la sottoscrizione a Commander.

L’elemento migliore e più popolare è stato sicuramente il nuovo veicolo, la Spiked Chopper. Primo nel suo genere all’interno del gioco, è stato donato a tutti coloro che hanno acquistato Fallen Earth al dettaglio, tramite Steam o convertendo la versione trial in un abbonamento.

MMOsite: L’aggiornamento all’F2P porterà eventuali cambiamenti nel gameplay, nuovi mostri, oggetti, zone e così via?

Alpha County è stato lanciato nel mese di luglio e rappresentava la nostra ultima patch tra le più importanti. Il prossimo sarà il World Events, che inizialmente volevamo lanciare insieme alla conversione ma che siamo stati costretti a rimandare al futuro, per poter effettuare ulteriori test. Si tratterà essenzialmente di opportunità che verranno generate in modo casuale, le quali appariranno sulla mappa. I giocatori potranno decidere di aiutare gli insediamenti con le risorse necessarie o componenti artigianali, difenderli dai razziatori e parassiti locali, e così via.

MMosite: Ci sono piani per assumere nuovi membri del personale, per gestire l’aumento di giocatori?

Siamo partiti slanciati a tal proposito, assumendo personale supplementare da subito, con l’idea che una volta che il gioco sarebbe passato all’F2P sarebbero stati necessari. Dando uno sguardo al sempre crescente numero di utenti attivi, la scommessa sembra aver già dato i primi frutti. Naturalmente, se il numero di giocatori continuerà a crescere, il personale di supporto farà lo stesso.

MMOsite: Per concludere, hai qualche parola da rivolgere ai giocatori che ancora non hanno provato il gioco?

Se non hai mai dato un’occhiata a Fallen Earth, questo è il momento perfetto per farlo. Non solo rappresenta un mondo da film che in molti avrebbero da sempre voluto esplorare, ma risulta estremamente libero, permettendo di giocare in qualsiasi modo lo si desideri. Ora che è persino diventato un MMORPG gratis, non c’è davvero ragione per non provarlo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Password Smarrita

Registrati

QUAL È IL TUO GENERE PREFERITO?

MMORPG CONSIGLIATI

SPARATUTTO CONSIGLIATI

BROWSER GAME CONSIGLIATI

Ti piacciono i giochi MMORPG?
Hai già provato

Neverwinter?

Neverwinter è un MMORPG free to play in italiano basato sul celebre Dungeons & Dragons. Il gioco offre un comparto grafico di ottima fattura, un gameplay ben progettato e una storia tanto profonda quanto avvincente. I giocatori possono inoltre creare i loro contenuti e condividerli con la community, personalizzare le cavalcature e formare delle potenti gilde con cui conquistare e costruire fortezze.